Giornata nazionale contro spreco alimentare: Agricom da il suo contributo di circolarità

Un sistema produttivo che tuteli l’ambiente richiede un uso efficiente delle materie prime. Il modello di economia circolare, con il riutilizzo di input provenienti da altri cicli produttivi, è un’opportunità per ridurre l’impatto ambientale e aumentare il valore di tutta la filiera agro-alimentare.

Il 5 Febbraio è stata dell’ottava Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare. L’AssalzooAssociazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici stima che ogni anno che la mangimistica recuperi circa 9 milioni di tonnellate di materie prime secondarie che provengono dal circuito alimentare. Una gestione oculata delle risorse che permette di ridurre sprechi e perdite dalla produzione alla vendita.

Agricom è fiera di essere parte di questo modello di efficienza produttiva, di riferimento per altri settori. Siamo tutti chiamati a dare il nostro apporto al raggiungimento dell’obiettivo di ridurre sprechi e perdite alimentari, che l’Onu si è posto nell’Agenda per lo Sviluppo sostenibile e che l’Unione europea ha richiamato nella strategia Farm to Fork.